Concorso Di Poesia Tuvixeddu

Ecco di seguito alcune delle poesie che hanno partecipato al Concorso di poesie indetto all'interno delle iniziative di tutela e valorizzazione del Colle e la necropoli di Tuvixeddu

 

 

PASSUS CHI NO LOMPINT A NUDDA

Casteddu,
Logu de diora
aundi si strogat
imoi
sa soga mia
pregontamí chi oi
fintzas deu
nàscia in custas prajas
chen’’e fini
limúsinas a pediri
seu andendi
e a chini.

A chini? A su stràngiu.

Casteddu
àchili artiva
chi càstias sempri in faci
a su maistrali
naramí de cali
sentidu de sderruta
che pani marigosu
s’eus a bivi
intra is murallas artas
chi nosu ‘e totu
si pesaus a ingíriu?
De cali fartas
s’eus a pertungi
fintzas a si spaciai
sighendi a ghetai
coru, logu, e dogn’àteru beni
a su fogu
de s’arràngulu allenu?

Sa frida pampa ‘e su maistrali
m’ap’a pigai una dí che lama
de feli, acutza
po ti liberai - mama
de dogna durciori,
mama de dogna spera -
de su dolori ‘e is passus
chi no lompint a nudda
ma acàrcigant a nosu
che pruini chen’’e contu
e a tui,
che morta andera...

  Cagliari


Luogo antico
dove si dipana
ora
il mio filo
domandami se oggi
anche io
nata in queste spiagge
infinite
elemosina a chiedere
sto andando
e a chi.

A chi? Allo straniero.

Cagliari
aquila orgogliosa
che guardi sempre in faccia
il maestrale
dimmi di quale
sentimento di sconfitta
come pane amaro
vivremo
tra le alte mura
che noi stessi
leviamo intorno a noi?
Di quali colpe
ci corroderemo
fino a consumarci
continuando a gettare
cuore, terra e ogni altra ricchezza
al fuoco
dell’avidità d’altri?

La fredda fiamma del maestrale
mi prenderò un giorno come lama
di inquietudine, aguzza
per liberarti - mamma
di ogni dolcezza,
mamma di ogni speranza -
dal dolore dei passi
che non giungono a nulla
ma calpestano noi
come polvere senza valore
e te
come morta strada...

 

  Paola Alcioni

______________________________________________________________________________________________________

SU CITIRI NÀSCIU INNOI

Nanta ca su citiri est nàsciu innoi,
innoi ancà deu no apu pòtziu
tzerriai mai
comente is follas
chi nd’arruint a disora.
No apu tzerriau
candu ant spratzinau
su prùniu de sa memória a su ‘entu,
no apu tzerriau
candu, ananti miu,
ant steressau sa perda prus arta
posta a càstiu,
e no apu tzerriau
candu portau in is ogus
padentis chi lompiant fintzas a celu
e in is manus una funi.
E aici
apu giogau cun custu citiri
po intendi’ sempri,
aintru e de prus
su prùniu
sa perda
is padentis,
e-i-custa tròpera de cuaddus
chi, cun-d-una funi,
tragant ancora a grai
su citiri nàsciu innoi.

Anna Cristina Serra


Traduzione

IL TACERE NATO QUI

Dicono che il tacere è nato qui/ qui, dove io non ho potuto/ urlare mai/ come le foglie/ che cadono anzitempo/. Non ho urlato/ quando hanno disperso/ la polvere della memoria nel vento,/ non ho urlato/ quando, davanti a me,/ hanno distrutto la pietra più alta/ messa a guardia,/ e non ho urlato/ quando avevo negli occhi/ boschi che giungevano sino al cielo/ e una fune tra le mani./ Così/ ho giocato con questo tacere/ per sentire sempre,/ dentro e di più/ la polvere/ la pietra/ i boschi,/ e questo branco di cavalli/ che, con una fune,/ trascinano ancora a fatica/ il tacere nato qui./
 

______________________________________________________________________________________________________ 

 TERRA CHI M’INFRORIS IN CORU
            
 

 Terra chi strìngiu in is manus
e chi m’infroris in coru 
 che  acinnu  de beranus,
drommi notesta puru acanta mia.
    T’ap’ a contai
    su contu ’e is mariposas
    mudant in bonu su tempus.
    Drommi,   ca a sa scida no isciu
    cali siat sa ’ia
    po is Terras de is murus arrutus
    ni m’est in poderi a connosci’
    su Meri ’e sa luxi.
    Drommi, ca in su sonnu
    un’araxi liera s’at a nai
    cantu mariposas cumbidai
    a bivi’ in domu nostra.
    E deu puru, ap’essi’
    unu contu
    unu tzàchidu
    un’araxi
    de murus arrutus,
    o una pipia
    chi contat cantu braxas
    abarrant allutas in sa forredda
    po chi su fogu
    no si ndi mroxat
    aintru ’e noti.

 

Anna Cristina Serra


TERRA CHE FIORISCI NEL MIO CUORE
                   
Terra che stringo tra le mani/ e che fiorisci nel mio cuore/ come  preludio  di primavere,/ dormi anche stanotte accanto a me./ Ti racconterò/ la favola delle farfalle/ che con un battito d'ali/ volgono il tempo al buono./ Dormi, perché  da sveglia non conosco/ la strada/ per la Terra dei muri caduti,/ né è in mio potere conoscere/ il  Padrone della luce./ Dormi, perché nel sonno/ una brezza libera ci dirà/ quante farfalle invitare/ a vivere nella nostra casa./ E anch'io sarò/ una favola/ un battito/ una brezza/ di muri caduti,/ o una bimba/  che conta quante braci/ rimangono accese nel camino/ perché il fuoco/ non si spenga/ nella notte.

______________________________________________________________________________________________________